• Ven. Mag 20th, 2022

Apple Philosophy

Capire è la maniera più potente di possedere.

iPhone rubato: cosa fare e, soprattutto, cosa NON fare

Mag 8, 2022 ,


INTRO

Il giorno in cui ti rubano l’iPhone ti senti davvero sconfitto. Chi si appropria di un oggetto che ti appartiene ti fa male, ma quando in quell’oggetto ci sono le foto dei tuoi cari, i tuoi dati personali, buona parte della tua vita, allora subisci una vera violenza.

Purtroppo, nonostante tutte le nostre precauzioni, quel giorno può arrivare da un momento all’altro e allora è bene prepararsi per fare in modo di non farsi trovare impreparati di fronte a questa brutta evenienza.

Casa fare prima

Appuntate su un documento l’IMEI, l’ICCID della scheda telefonica, il Serial Number ed il modello del vostro iPhone. Trovate queste informazioni sulla scatola o da Impostazioni->Generali->Info.

Diamo per scontato che l’iPhone sia protetto da codice a sei cifre: queste devono essere assolutamente casuali e in nessuna maniera riconducibili a voi. Entrambe le opzioni che riguardano il rilevamento dello sguardo devono essere attive: quello che si vuole evitare e che qualcuno sottraendovi il telefono ed inquadrandovi con la fotocamera anteriore riesca a sbloccarlo.

La password dell’ID Apple deve essere complicatissima e in nessun modo derivare dai vostri dati personali.

Dov’è deve essere attivato andando in Impostazioni -> ID Apple -> Dov’è. Nella schermata a cui di accede scegliendo “trova il mio iPhone” devono essere attivati “trova il mio iPhone”; “Rete Dov’è “ e “invia ultima posizione”.

Abilitate la protezione dell’ID Apple con la doppia Autenticazione.

Replicate tutte le informazioni memorizzate sul telefono su iCloud, mettete su iCloud anche il backup. Vi servirà l’abbonamento ad un piano mensile, ma così facendo potrete in qualunque momento inizializzare il dispositivo che vi è stato rubato senza paura di perdere le informazioni in esso contenute.

Non tenete sul telefono informazioni o foto compromettenti: se i malviventi riuscissero ad entrare in possesso di queste informazioni potrebbero ricattare voi o le persone ritratte con voi in atteggiamenti sconvenienti.

Cosa fare dopo il furto

Dopo il furto mantenete la calma e attivate le procedure che impediranno al malvivente di utilizzare o rivendere il telefono e che metteranno al sicuro i vostri dati personali.

Il recupero del device, tenetelo ben presente, è praticamente impossibile.

Collegatevi all’app dov’è da uno dei vostri dispositivi Apple o collegatevi al sito https://www.icloud.com/#find.

Cercate tra i vostri dispositivi quelli rubato ed impostatelo su “smarrito”. Impostando il telefono in questa modalità non sarà possibile in alcun modo effettuare pagamenti con le carte registrate sul telefono, riceverete una notifica con la posizione non appena questa diventerà disponibile e, naturalmente, non sarà possibile usare il telefono senza digitare il codice di sblocco: se il vostro dispositivo era sprovvisto di codice dovrete crearne uno. Il codice non dovrà essere comunicato a nessuno. Nella modalità smarrito potrete anche scrivere un messaggio che leggerà chi tenterà di accendere il telefono.

Recatevi presso un qualsiasi ufficio della Polizia di Stato o dei Carabinieri per fare denuncia, portando con voi i numeri identificativi del device che avevate appuntato o che sono segnati sulla scatola.

Elenco Questure Polizia

https://questure.poliziadistato.it

Trova una Stazione dei Carabinieri 
http://www.carabinieri.it/in-vostro-aiuto/informazioni/dove-siamo

Cosa NON fare dopo il furto

Quasi sicuramente i malviventi invieranno messaggi o chiamate al vostro numero di telefono, se siete riusciti a rientrarne in possesso, o a quello che avete indicato nell’App Cartella Clinica come contatto di emergenza. La cartella clinica, infatti, è l’unica scheda che l’iPhone fa vedere senza digitare il codice e mostra il numero telefonico del vostro contatto di emergenza oltre al vostro nome e cognome.

Attraverso i messaggi SMS e le chiamate i malviventi tenteranno di carpire la password del vostro ID Apple, così da riuscire a sbloccare il telefono e a piazzarlo sul mercato estero. Non fatevi ingannare dal fatto che sia i messaggi che le chiamate sembreranno provenire da Apple o dal numero verde di qualche gestore telefonico, o dalle forze dell’ordine: esistono app che possono nascondere il numero del chiamante e farne comparire un altro a piacere.

Non collegatevi ai link proposti nei messaggi

Non comunicate a nessuno password, codici o numeri che arrivano sui vostri dispositivi che fanno parte fattore di sicurezza a doppia autenticazione.

ApplePhilosophy

Le informazioni contenute in questo articolo sono applicabili anche all’Apple Watch e all’iPad.

Condividete questo articolo per rendere sempre più difficile ai malviventi trarre profitto dalle loro imprese.

Apple sconta l’iPhone 13 da 128GB su Amazon

Rispondi