Cosa c’è dietro il forte sconto dei MacBook Air M1

Le nuove macchine equipaggiate con i processori Apple Silicon hanno aumentato a dismisura il divario esistente tra la casa di Cupertino e gli altri produttori. La nuova architettura RISC di diretta derivazione dai chip della serie A che hanno fatto grandi gli iDevice, l’utilizzo della Memoria Unificata, che annulla la necessità di copiare i dati elaborati dalla GPU nello spazio di memoria del processo che quell’elaborazione ha richiesto, il fatto che il SOC (System On a Chip) integri al suo interno, in uno spazio ridotto, CPU, GPU, Unified Ram e Neural Engine portano le macchine della mela di equipaggiate con i nuovi processori ad un livello che gli altri produttori raggiungeranno solo fra qualche anno.

Offerte da non perdere con la garanzia di Amazon

I nuovi prodotti alla loro uscita erano quasi introvabili e, specialmente ora che le prove sul campo ne hanno confermato l’eccezionalità delle prestazioni, le vendite non accennano a diminuire: il fatturato trimestrale di Apple ha raggiunto la cifra record di 8,7 miliardi di dollari per quanto riguarda i Mac. Quando la domanda aumenta aumentano anche i prezzi o, perlomeno nel caso di Apple, non dovrebbero discostarsi molto da quelli di listino. Quello che sta succedendo, invece, è che dopo un particolare ribasso sui Mac Mini M1 del 5%, da poche ore è stato messo in vendita sul negozio ufficiale Apple su Amazon il MacBook Air M1 da 256 GB con l’11% di sconto, mentre -UDITE UDITE – la versione da 512 GB, nel momento in cui scriviamo questo post, viene scontata del 19%: 1159€ contro i 1420 di listino con un risparmio netto di 270€ e la possibilità di pagare in cinque rate da 231,80 senza interessi. E come se non bastasse anche il MacBook Pro con processore M1 viene ribassato di 170€ nella versione da 256GB.

Tutto questo è molto strano e si può spiegare solo in una maniera: rumors insistenti collocano intorno alla fine dell’anno l’uscita di nuovi MacBook pro da 14 e 16 pollici che saranno equipaggiati con una versione potenziata del chip M1, si parla di un processore M1X se non addirittura M2. Staremo a vedere se i rumors saranno confermati o se per vedere i nuovi modelli dovremo attendere la primavera del 2022.

Contenuto originale ApplePhilosophy, riproduzione consentita linkando la fonte.

SUPPORTA Apple Philosophy

 Ti sarai reso conto di quanto siano particolari gli articoli pubblicati su ApplePhilosophy. Sono il frutto di un lavoro serio di approfondimento che richiede tempo, impegno e passione. Se stai per fare un acquisto su Amazon e desideri supportare Applephilosophy, clicca sul banner qui sotto. Per ogni acquisto il blog riceverà una piccolissima percentuale. Ovviamente NON spenderai un centesimo di più di quanto avresti speso per gli stessi acquisti andando direttamente su Amazon.